“a” come amore. Dal fidanzamento al matrimonio, il passo non è breve…

admin
fedi

Per molte coppie, il giorno più bello
della vita, prima di un eventuale concepimento
di un pargoletto, è proprio
il matrimonio. Care coppie, non è
sempre così, anzi, non dovrebbe esserlo.
Il matrimonio rimane un giorno importante
sicuramente, ma non il ‘più’ importante. Il
giorno più bello della vostra vita, quello che
non scorderete mai, dovrebbe essere quando
avete incrociato per la primissima volta il suo
sguardo. Quando avete sentito le ‘farfalle nello
stomaco’ e quando, dopo la prima litigata,
quelle farfalle si sono trasformate in un atroce
pugno dritto allo stomaco, proprio perchè
avete capito, in quell’istante ben preciso, di
essere innamorati di quella persona. Bene,
quando avete scelto di innamoravi e quando
l’altro ha scelto di ricambiare il vostro sentimento,
è questo il giorno davvero speciale per
voi, che non dimenticherete mai.
Il bello dell’amore consiste nel fatto che non è
sempre bello. Amare vuol dire anche litigare,
arrabbiarsi, farsi un giro in auto per calmarsi
e non tornare a casa per ore, senza mai,
però, mancare di rispetto al partner. Amarsi
è far pace, perdendosi negli occhi dell’altro,
è rimboccare le coperte quando lei o lui sono
scoperti durante la notte, è vegliare sull’altro
senza che esso se ne accorga, ma avere la
consapevolezza di poter contare sul sostegno
dell’amato/a. Amare è svegliarsi nel cuore
della notte e pensare al partner, pensarlo
quando ascoltate una canzone o visitate
un luogo condiviso. Amare è
avere la forza di pensare per
due. Amare non è affatto
una cosa semplice, è una
cosa imprevedibile ed è
per questo che è per
pochi.
Se nel vostro rapporto
c’è tutto questo ed altro
ancora, allora siete
pronti per il grande
passo, quale il matrimonio.
Il matrimonio
non è una tappa
obbligatoria, seppur
molto importante per
la coppia. E’ importante
per i diritti e doveri
che offre. Anche
se dovrebbe bastare
guardarsi negli occhi.
Purtroppo, però, viviamo
in una società in cui il contratto scritto è
l’unico documento valido.
Non pensate che il passo dal fidanzamento
al matrimonio sia breve, tutt’altro. Chi decide
di sposarsi non ha da affrontare solo ‘fastidi’
burocratici o problemi logistici. Chi decide di
sposarsi deve fare i conti con l’ansia, lo stress
ed i mille dubbi topici che vengono al momento.
Chiedere la mano della propria donna
è un passo dal quale non si torna indietro
ed è estremamente romantico. Così come è
altrettanto importante pronunciare il fatidico
“sì” alla proposta di matrimonio del vostro
uomo. I dubbi che assalgono puntualmente
ogni coppia sono svariati e vanno dal pensare
“sarò all’altezza della situazione?”, o “sarà lei
la persona giusta?” ed ancora “siamo pronti
a condividere noi stessi?”. Tanti e tanti altri
dubbi sovvengono, ma se, guardando negli
occhi la persona amata, non vi sovviene dubbio
alcuno e siete felici, allora sì, siete pronti
per il grande passo.
Forse, per una volta, dovremmo smettere di
sognare e cominciare a costruire i nostri “e
vissero felici e contenti”, con le relative varie
arrabbiature, ineliminabili in qualsiasi rapporto,
perchè, nonostante le difficoltà, potremo
farcela. Ciò che rende speciale una storia
sono le capriole a mezz’aria per superare tutti
gli ostacoli insieme. Perciò non temete di innamorarvi,
il bello è nell’incertezza. “E’ il viaggio
tra l’inizio e la fine che rende una storia
degna di essere raccontata” (Cris
Colfer ne ‘La terre delle storie:
il ritorno dell’incantatrice’).
Tommaso Lamarina

Lascia una risposta